Produzione di uova | Tricase, LE | Azienda Avicola Marsilio

benvenuti! Produzione uova fresche Tricase (Lecce)

allevamento galline tricase

Come si legge un uovo?

admin

Ecco come leggere il codice presente sulle uova, capire la provenienza, il tipo di allevamento e se è ancora fresco.

Come si legge un uovo? Come “decifrare la sequenza di numeri e lettere, impressa in nero sui gusci delle uova che acquistiamo al supermercato?. Leggerla è facile ed è un modo affidabile e sicuro per sapere da dove provengono le uova che stiamo acquistando, da che tipo di allenamenti, da quale Paese, provincia,  Comune, fino all’allevamento.

Oltre infatti alla data di scadenza e di deposizione delle uova, troviamo sul guscio, e non sulla confezione, una sequenza di 11 caratteri alfanumerici che sembrano senza senso e invece ci spiegano proprio tutto sull’uovo che abbiamo tra le mani.

L'infografica su come si legge un uovo a cura di Uovoitaliano.it

Come si legge un uovo? Come “decifrare la sequenza di numeri e lettere, impressa in nero sui gusci delle uova che acquistiamo al supermercato?. Leggerla è facile ed è un modo affidabile e sicuro per sapere da dove provengono le uova che stiamo acquistando, da che tipo di allenamenti, da quale Paese, provincia,  Comune, fino all’allevamento.

Oltre infatti alla data di scadenza e di deposizione delle uova, troviamo sul guscio, e non sulla confezione, una sequenza di 11 caratteri alfanumerici che sembrano senza senso e invece ci spiegano proprio tutto sull’uovo che abbiamo tra le mani.

L'infografica su come si legge un uovo a cura di Uovoitaliano.it
L’infografica su come si legge un uovo a cura di Uovoitaliano.it

Tipi di allevamenti delle uova

Il primo numero è quello che indica che tipo di allevamento è stato impiegato: se galline allevate a terra, all’aperto, all’aperto e biologiche ecc…

I metodi di allevamento si distinguono in:

0 – allevamento all’aperto e biologico. Galline alimentate con mangime biologico che passano all’aperto almeno un terzo della loro vita, con uno spazio di 4 metri quadrati a disposizione di ciascuna.

1 – allevamento all’aperto (1 gallina ogni 2,5 mq). Qui le galline possono razzolare all’esterno e hanno uno spazio di almeno 2,5 metri quadrati con nidi, trespoli e lettiere.  Densità massima: 9 galline per metro quadro.

2 – allevamento a terra (massimo 9 galline in 1 mq, in capannoni chiusi senza stare in gabbia).

3 – allevamento in gabbia. Le galline vengono allevate in gabbie di almeno 750 cm quadrati (tenete conto che un foglio A4 ha una superficie di 624 cm quadrati) dove hanno lettiera, acqua e cibo a volontà ma non la libertà di potersi muovere.  In una gabbia possono stare al massimo 25 galline per metro quadro.

Il resto del codice

Dopo il tipo di allevamento, che è un numero che può andare da 0 a 3, c’è una sigla di due lettere. Questa indica la nazione di provenienza e infatti quasi sempre troviamo la dicitura IT che indica appunto l’Italia. È molto raro trovare altri codici perchè l’Italia è in grado di rispondere al fabbisogno di uova dei suoi abitanti.

In seguito, 3 numeri indicano il codice Istat del comune di provenienza, seguiti dalle due lettere che ne determinano la provincia.

Infine, gli ultimi tre numeri indicano il codice specifico dell’allevamento, per risalire in caso di necessità all’allevamento esatto dove sono state prodotte quelle uova.

Articolo di: https://www.informacibo.it/come-si-legge-un-uovo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Awesome Work

You May Also Like

×